“Ho visto uomini chinarsi verso terra, non ho mai visto uomini volare”

b4366ca83018f0284bd5104d4b03aa2d9ee9c671-attore-palco-jpg-1408-1492178643
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest

L’amico Samuele Macchi risponde al mio pezzo su arte, cinema e pubblico (che potete trovare qui), e io lo pubblico volentieri.

L’arte in quanto forma espressiva della personalità del singolo è totalmente libera, autocratica e anarchica. Ma in quanto opera (intesa come prodotto di un lavoro prolungato nel tempo) non sfugge alle regole del mercato, cioè alla volontà del committente/compratore.
Michelangelo non chiese l’opinione del calzolaio per affrescare la Sistina e, tuttavia, papà Giulio II, lo sponsor, gli impose di coprire i genitali di tutti i suoi personaggi. E censurati li osserviamo ancora oggi.
In questo senso l’arte è tanto competenza dell’artista quanto dell’artigiano. Un’artigiano privo di gusto è appena un tecnico, ma di contro un’artista senza tecnica è soltanto un filosofo. L’artigiano realizza le opere che gli sono commissionate rispondendo a delle necessità, generalmente materiali. Il suo lavoro viene pagato perché il committente non ha le competenze per soddisfare da solo al proprio al bisogno. Se è dotato di buon gusto e sufficienti capacità creative anche l’artigiano potrà produrre delle opere d’arte, pur restando nei vincoli che gli sono imposti.
L’artista, invece, risponde a necessità diverse, meno calcolabili. La dinamica tuttavia è la stessa: realizza qualcosa che il pubblico, da solo, non potrebbe produrre. E, di pari passo, l’artista si deve far comprendere. Non solo perché altrimenti non viene pagato e non può continuare a fare arte, ma anche perché (ben più importante) altrimenti parlerebbe solo a se stesso. O, al più, alla ristretta cerchia di chi ha gli strumenti per capirlo. Il suo lavoro è proprio quello di rendere tangibile ciò che è astratto. In questo senso l’arte è davvero democratica: un vero capolavoro si rende disponibile a chiunque, dall’operaio al professore universitario. Non è tuttavia una democrazia bilaterale. Il pubblico non è sullo stesso piano dell’attore e il palco stesso sancisce questa differenza. L’artista ha la responsabilità di parlare, gli spettatori quella di ascoltare.
Su una cosa sono d’accordo con te, Edo: è l’artista che può (deve?) educare il pubblico e non viceversa. Tuttavia, proprio perché ne ha le capacità, proprio perché è il suo mestiere, l’artista dovrà trasmettere il suo messaggio attraverso i mezzi che ha a disposizione, cioè quelli che sono comprensibili al pubblico. È l’artista che si abbassa verso il pubblico e, così, lo eleva. Non è altrimenti possibile perché il pubblico non si può da solo elevare all’altezza dell’artista. Ho visto uomini chinarsi verso terra, non ho mai visto uomini volare. BatmanVsSuperman mancava di tecnica, JusticeLeague (mi baso sul tuo giudizio perché non l’ho visto) manca di deontologia professionale o, se preferisci, di morale.”

Condividi questo articolo con i tuoi amici!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su reddit

Iscriviti alla nostra Newsletter

Per rimanere aggiornato su tutte le novità su cui stiamo lavorando!

Torna su