Clicca qui e chiudi manualmente se impiega troppo tempo

Un classico al mese

Giorno(s)

:

Ore(s)

:

Minuto(i)

:

Second(s)

edizionischeggeriunite@gmail.com

“Morto che cammina, morto che cammina”
Son io, che grigio e tetro mi trascino
Senza lagrime per le vie piangendo,
Tratto come cieco da sorte avara.

Tu Lúthien dovei per me esser
Ed io Beren ristoro in te trovar;
Ma sol sull’erba languo e piango e strido
E grido’l nome tuo, ma invano.

E invano pronuncio amare parole,
Che sol riecheggian: “Tinúviel Tinúviel”,
Ma Tinúviel, lontana, non torna.

Di Sauron invoco fedeli schiatte,
Che al tormento mio seduta stante
Fine pongan d’inutile vita mia.

Do NOT follow this link or you will be banned from the site!
Share This