morte

PoeDanto #4: Chi?

PoeDanto #4: Chi?

Chi decretò Ch’io fossi io E non qualcun altro? Chi pose Questa coscienza In tal corpo? Chi guidò L’alma mia In queste membra Chi decise Che fossero questi Gli occhi ch’io apersi? Chi ambientò Questa tragedia Dove son io? Chi, dunque, mi trarrà Dal mondo Dei viventi? Chi calerà Il sipario Sul mio sguardo? Chi …

PoeDanto #4: Chi? Leggi altro »

Domine, non sum dignus ut intres sub tectum meum: sed tantum dic verbo, et sanabitur anima mea

Domine, non sum dignus ut intres sub tectum meum: sed tantum dic verbo, et sanabitur anima mea

Viene affermato nella Evangelii gaudium che l’Eucaristia «non è un premio per i perfetti, ma un generoso rimedio e un alimento per i deboli» (47: 1039). È vero, l’Eucaristia, il Santissimo Sacramento, il Pane del Cielo non è per coloro che si credono perfetti, non è elargito a coloro che si credono arrivati, è dono …

Domine, non sum dignus ut intres sub tectum meum: sed tantum dic verbo, et sanabitur anima mea Leggi altro »

Questo è un paradosso antico: “chi perderà la propria vita, la salverà”

Questo è un paradosso antico: “chi perderà la propria vita, la salverà”

«A nulla giova un’azione esterna compiuta senza amore; invece, qualunque cosa, per quanto piccola e disprezzata essa sia, se fatta con amore, diventa tutta piena di frutti». L’imitazione di Cristo La morte a sé stessi, l’uscire da sé stessi non coincide con l’annullamento di sé per far spazio all’altro. Piuttosto è un donare la propria …

Questo è un paradosso antico: “chi perderà la propria vita, la salverà” Leggi altro »

Torna su