marciapiede

Fuga dalla fantasia

Fuga dalla fantasia

Ho visto un’immagine, a prima vista suggestiva: una donna scendeva da un marciapiede, per andare a toccare coi piedi nudi un soffice manto erboso. La didascalia recitava “fuga dalla realtà”. Il marciapiede, se non ho mal interpretato quella fotografia, rappresenterebbe questa realtà dura, fatta di cemento e acciaio, mentre l’erba sarebbe il simbolo di una …

Fuga dalla fantasia Leggi altro »

Torna su