Sulla via mal battuta di poesia

28577923_10215864741881568_4221831113708478286_n
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest

Credetti d’esser l’ultimo rimasto
Ad intrecciare, inquieti, i versi,
Unico e solingo
In tardo e lento passo
A mesurar coi piedi il metro;
A scrutar, per ultimo, i misteri
Dei toni, tempi, e i ritmi loro.

E poi d’improvviso alla crociata
s’aggiunse, sconosciuto e nuovo,
più esile, più abile braccio.

Condividi questo articolo con i tuoi amici!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su reddit

Iscriviti alla nostra Newsletter

Per rimanere aggiornato su tutte le novità su cui stiamo lavorando!

Torna su