alpaca-2316484_1920
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest

 

Intaglio i miei versi con l’accetta
Io, montanaro grezzo e provinciale,
Io mezzuomo errante, io animale,
Io creatura debole e imperfetta;
Io duro, ironico e brutale,
Vuoto e sentimentale;
Io frettoloso pur senza vergogna,
Io ferito e frale,
Io profondo fino ad essere banale,
Io ch’arriccio i miei peli da vigogna,
Io povero cadetto di Guascogna,
Io allegro, stupido e frugale;
Io bardo, io poeta alla bisogna.

Condividi questo articolo con i tuoi amici!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su reddit

Iscriviti alla nostra Newsletter

Per rimanere aggiornato su tutte le novità su cui stiamo lavorando!

Torna su