Testata

Le nostre pubblicazioni

Di prossima uscita

Ciò che resta dell'humano

“Vogliamo pensare l’umanesimo, e vogliamo pensarlo ora, per il nostro tempo, per il nostro presente. Non l’essenza dell’uomo, la sua struttura o la sua storia – l’umanesimo non è un’antropologia.”

Vogliamo investigare quel particolare rapporto con i testi (con «il significante», come diremo) che caratterizza in profondità una proposta umanistica.

L’umanesimo ci sottopone la questione del testo e dei testi, la questione della lettera: per questo abbiamo scritto «humano». Esso è una questione urgente, l’humano cioè è minacciato: ecco che si profila all’orizzonte una nuova barbarie, una barbarie dal volto pulito e ben rasato, la barbarie dell’inglese, dell’informatica e dell’impresa.

Matteo Bergamaschi

I nostri ultimi articoli

Del bene e del male, dialogo I: Ormazd e Ariman
Pubblicazioni

Del bene e del male, dialogo I: Ormazd e Ariman

Ormazd: Sono molti anni che lottiamo senza tregua ed il mondo non è poi tanto cambiato; vecchio nemico, ora deponi un attimo le armi e …

Leggi →
Problemi di traduzione: nota teorica 1
Problemi di Traduzione

Problemi di traduzione: nota teorica 1

Tradurre è tradire dice un vecchio proverbio, ed ha ragione. Nella traduzione l’errore è proprio la traduzione. Molti traduttori lo dimenticano, ma non esiste un …

Leggi →
Hania, il gran finale
A prova di Schegge

Hania, il gran finale

Per chi attendeva trepidante il terzo volume, finalmente la saga di Hania è giunta al termine. Silvana De Mari, tra vicende giudiziarie e attacchi continui …

Leggi →

Iscriviti alla nostra Newsletter

Per rimanere aggiornato su tutte le novità a cui stiamo lavorando!

Torna su