O Dio vieni a salvarmi, Signore vieni presto in mio aiuto

sagrada-familia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest

[et_pb_section admin_label=”section”]
[et_pb_row admin_label=”row”]
[et_pb_column type=”4_4″]
[et_pb_text admin_label=”Text”]
Vi siete mai soffermati a considerare in tutto il loro peso le parole dell’introduzione dei Salmi?

“O Dio vieni a salvarmi, Signore vieni presto in mio aiuto”.

Vieni a salvare me ora! Vieni presto in mio aiuto.

Quando mi accorgo della mia debolezza e cattiveria, captivus dal latino significa schiavo, e perciò della mia schiavitù e dalle catene di cui essa è formata, nei momenti di maggiore tensione nel combattimento contro me stesso, contro la tiepidezza dello spirito, quel torpore malinconico, quell’inerzia del vivere che assale, e in cui il desiderio si smarrisce, mi ricordo che occorre volgere lo sguardo oltre me stesso e tornano alla mia memoria quelle parole di introduzione:

“O Dio vieni a salvarmi, Signore vieni presto in mio aiuto”.

Ma come? Come chiedere soccorso? Come può venire in nostro aiuto?

Altre parole tornano alla mente, parole che danno corpo e sangue a quella accorata richiesta di salvezza.

“Veni Sante Spiritus, veni per Mariam”

Attraverso di lei abbiamo avuto accesso a Dio, attraverso di lei la via di accesso a Dio è libera e il Figlio di Dio ha potuto e può donare il suo perdono e la sua persona a noi interamente, riconciliarci con Dio e donarci Dio stesso che Egli è.

[/et_pb_text]
[/et_pb_column]
[/et_pb_row]
[/et_pb_section]

Condividi questo articolo con i tuoi amici!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su reddit

Iscriviti alla nostra Newsletter

Per rimanere aggiornato su tutte le novità su cui stiamo lavorando!

Torna su