Fuori di Me non c’è altro Dio; * fuori di Me non c’è Dio giusto e salvatore (Is 45)

holy_trinity_rublev
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest

Non sono forse io, il Signore? †
Fuori di me non c’è altro Dio; *
fuori di me non c’è Dio giusto e salvatore.
Is 45

Fuori di Dio c’è il demonio, il perduto, e insieme a lui ogni figlio della perdizione. Fuori di Dio cioè c’è il male in ogni sua forma, poiché solo Dio è buono.
Che significa questo fuori? Occorre porci immediatamente al di là di qualsiasi interpretazione heideggeriana che vorrebbe vedere nel creato, o meglio, nell’ente, nell’alterità dall’Essere, in ciò che non è Essere, il male e il peccato.
Infinitamente distanti da questa visione del mondo, il Signore afferma qui per bocca del profeta che al di fuori della comunione con Lui c’è il nulla, poiché tutto riceve consistenza, bontà, giustizia e salvezza con, per e in Lui.
Fuori di Dio, cioè fuori dalla comunione di Dio con l’uomo, comunione che raggiunge la sua pienezza di rivelazione nel Cristo vero Dio e vero uomo, e nel Cristo eucaristico che rende ogni uomo che veramente lo voglia amare con tutta la mente, con tutto il cuore e con tutta l’anima, partecipe della vita piena della Trinità, della vita di Dio.

Condividi questo articolo con i tuoi amici!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su reddit

Iscriviti alla nostra Newsletter

Per rimanere aggiornato su tutte le novità su cui stiamo lavorando!

Torna su