Un classico ogni trenta giorni

Giorno(s)

:

Ore(s)

:

Minuto(i)

:

Second(s)

scheggeriunite@gmail.com

 

Canti Brevi

Per le edizioni Schegge Riunite esce una nuova edizione dei Canti brevi – Versi -, del poeta piemontese Nino Oxilia. Nei primi del Novecento egli, oltre che poeta, fu drammaturgo, giornalista e ancor più fama raggiunse con la regia di mirabili pellicole quali Rapsodia satanica o Sangue Bleu. Film dove recitavano alcune tra le più affermate dive dell’epoca: Lyda Borelli, Francesca Bertini, e Maria Jacobini, amata del nostro poeta. Le liriche della raccolta, così ben radicate nello spirito della poesia crepuscolare del tempo, sono anche uno squarcio nel sentimento e nelle idee di Oxilia.

Convinti che l’unica maniera per poterle apprezzare sia leggerle, magari ad alta voce come richiederebbe la poesia, vi anticipiamo parte della prefazione.

 

Di Oxilia, o del non conoscere

 Di cosa necessita una persona per essere lieta? Oxilia non lo sa. O se lo sa non lo dimostra e non ce lo fa conoscere nelle sue opere. Si potrebbe dire che forse è al nostro stesso livello, ma poi se venisse fuori che qualcuno conosce quel modo per esser lieto allora non sarebbe sul piano di Oxilia e di molti altri. Egli conosce il riso, di questo conosce e ne parla. Si vedano alcuni versi della poesia numero otto della seconda parte:

 

E ridere di voi, del mondo, della fede,

della speranza, ridere.

 

Oppure, più avanti nella quarta parte alla quinta lirica:

 

Folle è il pensare. In questo breve esilio

cui siam costretti impera la menzogna.

Non v’è amor, né speranza. Padre e figlio

mentono tutti. Ridere bisogna! […]

 

[…] agire in mezzo a queste umane cose

per noi, solo per noi, godere e odiare,

poi giungere alla verità: morire.

 

Questo riso sulla speranza, sulla cose che spesso muovono la vita delle persone non è dissimile dal riso di Democrito raccontatoci da Ippocrate, uno pseudo Ippocrate per la verità. Nelle sue lettere riporta: «[Democrito] rispose: “Tu [Ippocrate] attribuisci due cause al mio riso, i beni e i mali; ma io rido di un unico oggetto, l’uomo pieno d’insensatezza, vuoto di opere rette, puerile in tutti i suoi progetti, che sopporta senza alcun beneficio prove senza fine, spinto dai suoi desideri smodati ad avventurarsi fino ai confini della terra e delle sue immense cavità, fondendo l’argento e l’oro, non smettendo mai di accumularne, affannandosi sempre per possederne di più allo scopo di non decadere”.»[1]

Uno scopo, come appena letto in Oxilia, folle in quanto sempre alla morte si giunge.

In questa breve nota introduttiva, che ha al massimo l’ambizione di non far allontanare dalla poesia di Oxilia il lettore, si cerca solo di dar dimostrazione di come questi versi, anche rimanendo su un piano impressionista e per nulla approfondito o di studio, portino la mente e l’animo del lettore a confrontarsi con la propria natura di uomo nello sguardo di chi ha vissuto, e riportato su carta, la vasta caleidoscopia dei sentimenti senza giungere alla lietezza di cui si scriveva in apertura. È forse una breve raccolta di come si possa vivere, o si tenti di farlo, quando di sé si arriva a dire:

 

Io sono il figlio dell’ombra perfida,

dentro al mio cuore sento pozzanghere

bieche stagnare.

 

Tutta la grande ombra dei secoli

su di me pesa, che si contendono

Caino e Bruto.

 

Aborro il riso, ghigno alle lagrime,

disdegno i popoli, disprezzo i Cesari

non credo in Dio.

 

In questa carrellata di angosce tipiche dell’uomo moderno, di cui Oxilia si fa cantore, rimane nella chiosa panica, così propria del Crepuscolarismo, una piccola àncora di sopravvivenza:

 

A te soltanto, alba, che ascendere

sai e il cielo di sangue tingere

il cuor s’inchina.

[1] Ippocrate, Sul riso e la follia, Sellerio, Palermo, 1999, pp. 63-64.

Nino Oxilia: battezzato Angelo nel 1889 a Torino, dopo la morte in guerra nel 1917 cade su di lui un velo di polvere che nasconde il fulgore delle sue opere: prime fra tutte quelle cinematografiche, realizzate da lui in veste di regista o sceneggiatore sono dimenticate con lo sparire del muto, e solo negli ultimi anni sono state riscoperte da critica e pubblico. Ancora celata ai molti è la sua attività letteraria nel teatro e nella poesia. In quest’ultima, oltre alla raccolta qui presentata, è da segnalare la raccolta postuma del 1918, Gli Orti. 
Poeta, drammaturgo, regista, un uomo del Novecento che come tale è attraversato dai temi e le tendenze che influenzano quella stagione di inizio secolo, come il crepuscolarismo e la decadenza della Belle Èpoque, i primi lampi di futurismo e l’angoscia esistenziale.
Do NOT follow this link or you will be banned from the site!

X
Poesia, Pubblicazioni Nino Oxilia – Canti Brevi