Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest

Un non pensante nell’aria siderale
Non ode il trillo dell’ordine arrivare;
Tutto s’inquieta e cerca un segno
Esterno al viver che gli è male.
Rigonfio di un leopardico sdegno
S’ingegna in maniera peguyana,
Frugando l’hic et nunc a lanternino:
Sia mai che la legge del vicino
Nuova ridente il suo sapor di ascesi
Gli generi nell’animo il divino.

 

Condividi questo articolo con i tuoi amici!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su reddit

Iscriviti alla nostra Newsletter

Per rimanere aggiornato su tutte le novità su cui stiamo lavorando!

Torna su