L’antropologia drammatica in Hans Urs von Balthasar: Breve introduzione ai protagonisti del TeoDramma

51tR6EGT21L
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest

Con questo studio ci introduciamo nel cuore pulsante della antropologia balthasariana centrata sul dinamismo della relazione sempre presente tra due libertà: la libertà di Dio e la libertà dell’uomo. Tale dinamismo assume le caratteristiche del dramma solo nella misura in cui l’uomo e Dio, o meglio Dio e l’uomo esercitano la propria libertà l’uno nei confronti dell’altro. Solo in quest’ultimo caso infatti è possibile il dipanarsi di un’esistenza drammatica e non tragica. Soltanto nel caso in cui Dio non sia lontano e inaccessibile, in cui Dio non si configuri come il Totalmente Altro, ma come Colui che è entrato nella storia dell’uomo come uomo e si è fatto compagno all’uomo, senza per questo cessare di essere Sé stesso, e continua a dimorare presso l’uomo e l’uomo presso di Lui, può darsi per l’esistenza umana dramma e non tragedia. Insieme a Balthasar possiamo affermare che non vi è, né potrà mai esservi altra drammatica all’infuori della Teo-drammatica.Per saperne di più clicca la copertina sottostante:

L'antropologia drammatica in Hans Urs von Balthasar

Condividi questo articolo con i tuoi amici!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su reddit

Iscriviti alla nostra Newsletter

Per rimanere aggiornato su tutte le novità su cui stiamo lavorando!

Torna su