Un classico ogni trenta giorni

Giorno(s)

:

Ore(s)

:

Minuto(i)

:

Second(s)

scheggeriunite@gmail.com

 

La rana che stava ne lo stagno
era beata, intenta a fasse ‘n bagno
quanno ‘n airone uscì dar fojame
e lei scoperta salì sur fasciame

Trovannose a ‘n tiro de becco
co’ coraggio anniede dritta ar succo
prese fiato e se gonfió per bene
fece score più sangue ne le vene

Disse subito all’affamato airone
“Nun me fai paura brutto ucellone
tu c’avrai puro il colore de la cenere
ma io so forte posso puro cambià genere”

L’ airone su le prime era perplesso
ma je sembrava de passà pè fesso
Rispose “È inutile che zazzi, ho fatto tana
poj cambià genere ma resti sempre rana

In pratica si voj, te poj mascherà
poj truccatte in tutta libertà
ma nun poj cambià la tua scena
tanto sei comunque la mia cena”

NeoPasquino

Do NOT follow this link or you will be banned from the site!

X
Poesia La Rana e l’Airone