Home / Poesia / La Bestia

La Bestia

 

Ner tempo a ripreso vita
la Bestia che sembrava sopita
anche si a di er vero, e nun sbajo
sto silenzio era solo ‘n abbajo

Sempre a fianco a l’omo ner suo cammino
sempre silente, ar tallone suo vicino
poi d’improvviso ner monno se manifesta
e l’omo, prigioniero suo, incatenato resta

La schiavitù de omini africani
diversità de ceti e caste fra l’umani
lei mostruosa ne l’odio c’ha sguazzato
a danno de l’essere umano schiacciato

Se trasforma, ingannatrice incanta
rivoluzionaria fraterna, eguale, de libertà se manta
e pè renne nobili e plebei tutti uguali
ma je tajò le capocce pè falli pari

Poi ne la rivoluzione industriale
rese l’operaio come ‘n animale
prepanno strada a lotta de classe
‘ndò se insinuò tra le pore masse

Nun contenta de avè fatto danno
2 guere mondiali, pè l’omo inferno
mijoni de omini morti ammazzati
regimi totalitari, diritti disprezzati

In tutto sto tempo passato
contro la Chiesa odio efferato
pè stacca l’omo da la salvezza
pè levaje de Cristo la carezza

Quanno dopo anni la strada fu pronta
impresse sur monno la sua impronta
l’omo ormai era solo senza conforto
e la Bestia realizzò er suo piano storto

Attaccò la donna co’ viscido l’inganno
facennoje ammazza li fji sua, granne danno
spaccò quello che pè er monno era centro
famija , fji e l’anima da dentro

E mo’ che er passo era fatto
rimaneva ‘na mossa pè finì cor botto
portà l’omo a lo sbajo iniziale
quello de decide er bene e er male

Così la morte de l’essere è legalizzata
dar concepimento ar fine de la vita
l’omo continua a magnà er frutto proibito
perché se sente Dio, ma è ‘n Dio fallito

NeoPasquino

About Mauro Rutunno

Leggi anche

Tinúviel!

“Morto che cammina, morto che cammina” Son io, che grigio e tetro mi trascino Senza …

Do NOT follow this link or you will be banned from the site!