Home / Poesia / Fonte de vita

Fonte de vita

 

Stò fermo su la cima de ‘n monte
e co’ lo sguardo abbraccio l’orizzonte
seduto su ‘na roccia pensieroso
guardo quello che c’ho davanti, meravijoso

Poi ‘na voja che me pja all’improvviso
me arzo, pjo fiato e scenno deciso
pè arivà sur monte che stà da l’artra parte
seguo la bussola dell’istinto, senza carte

Comincio a scenne, ma è ‘na fatica
a ogni passo attento, la strada è nemica
è come si scennenno aumentasse er peso
a ogni movimento me sento indifeso

Vado avanti, so’ stanco ma fa lo stesso
più scenno più faccio ‘n viaggio in me stesso
e scopro angoli dentro me mai mostrati
sò parti dell’anima mia, pezzi torturati

E chi l’ha visti mai sti interni posti?
Ce l’ho dentro ma staveno anniscosti
manco me riconosco più chi sò io
me fa paura puro l’animo mio

Scenno piano, intanto er sole sparisce
è buio intorno e tutto se scurisce
le gambe, me se sò quasi bloccate,
dar nero che c’ho dentro appesantite

E ancora scopro posti novi, nove ferite
che sanguinano, nun sò state sanate
Chi me po’ sarverà da stà posizione?
Chi me po’ curà stà situazione?

‘No scroscio d’acqua infonno sento
vojo arivacce, ma devo stà attento
ogni tanto inciampo sopra a ‘n sasso
è ‘n artro modo pè scoprì me stesso,

Ogni vorta me giro e guardo in basso
che forma strana che c’ha stò masso
assomija ne l’aspetto a li peccati mja
e se fà sempre più dura pè me stà via.

Ogni vorta pè riarsamme è na fatica
ma desidero arivà all’acqua amica.
La gola è arsa, sò sempre più assetato
ecco mo’ sò arivato, me c’immergo riposato

All’improvviso sparischeno i dolori
intorno sento soni novi e vedo novi colori
La forza mia me vjè restituita
da stò liquido puro che è fonte de vita

È come si me lavasse dar didrentro
e me rimettesse novamente ar centro
sento tornà le forze, invigorimme er corpo
pulito dentro come si nun fossi più sporco

E infonno ar fiume vedo n’ombra scura
c’ha sembianza umana ma fa paura
ma è pesante nun se move dar profonno
è l’anima mia vecchia ancorata ar fonno

Mò sò spinto da stò novo vigore
inizio a annà sopra a st’artre l’alture
io stò a salì, ma er passo è più leggero
ma pè me dovrebbe esse er contrario

Più salgo e più sembra pianura
vado avanti e nun c’ho più paura
e provo ‘n senso strano come de volo
poi, me sembra che nun sò più solo

È come si c’avessi quarcuno ar fianco
che me sostiene e nun me sento stanco
sembra che sulle spalle mò c’ho du ali
e prenno corenti d’aria ascensionali

M’accorgo che nun guido più io
me stà a portà in alto lo Spirito de Dio
nunostante quer gniente che io sono
me arigala vita nova come ‘n dono

NeoPascquino

About Mauro Rutunno

Leggi anche

Tinúviel!

“Morto che cammina, morto che cammina” Son io, che grigio e tetro mi trascino Senza …

Do NOT follow this link or you will be banned from the site!