“E proprio perché era tutto così bello…”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest

I cristiani non credono perché il mondo è brutto, ma perché è bello.

Dicono che un credente è tale perché ha bisogno di esorcizzare il male che c’è nel mondo, la sofferenza che alberga nella sua vita. I romani nei loro epitaffi si struggevano per una vita insensata e piena di dolore, al termine della quale non si poteva far altro che scomparire senza lasciare traccia. Sembrava dunque che il Cristianesimo avesse rotto questo incantesimo, sembrava quasi che i cristiani avessero mostrato la bellezza di questo mondo a chi non la vedeva, che avessero trovato un senso laddove non c’era. Ma questo non è del tutto vero.

Il Cristiano non è colui che vede la bruttezza in questo mondo e cerca così la bellezza in un altro. Il Cristiano è colui che vede la bellezza in questo mondo e proprio per questo non accetta che essa possa finire, che essa sia tutta qui. Proprio perché il mondo è così incredibile deve esserci qualcosa di ancora più incredibile; un bello assoluto rispetto a questo bello relativo, un bene infinito rispetto a questo bene temporaneo, una gioia piena rispetto a queste gioie passeggere.

“E proprio perché era tutto così bello, nasceva in me un desiderio, sempre lo stesso: da qualche parte doveva esserci qualcosa di ancora più bello”.

Condividi questo articolo con i tuoi amici!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su reddit

Iscriviti alla nostra Newsletter

Per rimanere aggiornato su tutte le novità su cui stiamo lavorando!

Torna su