Un classico ogni trenta giorni

Giorno(s)

:

Ore(s)

:

Minuto(i)

:

Second(s)

scheggeriunite@gmail.com

 

Il regista Luc Besson, realizzando il film su Santa Giovanna d’Arco, deve aver pensato che le apparizioni di Santa Margherita, Santa Caterina e l’arcangelo Michele fossero motivi o troppo deboli o semplicemente inverosimili per spingere una giovane e anonima fanciulla francese a muovere guerra contro inglesi e borgognoni per restituire il trono al Delfino. Così, credo, ha pensato bene di dargliene uno ben più valido, cioè lo sterminio della famiglia da parte di un contingente inglese, con tanto di stupro ai danni della povera sorella (un buon stupro è sempre un ottimo pretesto per far impazzire il protagonista di turno). Chissà come dev’essersi sentito illuminato per questo colpo di genio!
Di conseguenza ha sapientemente omesso eventi sì inverosimili, ma così riportati dalle fonti dell’epoca; per presentarci invece una versione credibilissima, ma di cui non si trova traccia da nessuna parte.

P.S. Non che il resto della pellicola sia granché più accurata; ma di questo parla già acutamente e ironicamente il sempreverde Franco Cardini in “Giovanna d’Arco, santa tradita”, articolo uscito su Avennire del 21 gennaio 2000.

Do NOT follow this link or you will be banned from the site!

X
Lo specchietto revisionista Besson imbroglion