rome-3021586_1920
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest

Io me scuso co’ voi tutti de st’intrusione
ma so’ der popolino, so’ romano bontempone
come Rugantino, me rifacco a st’antenato,
dico quer che penso ruganno spensierato

Le canto ar cattolico politico de turno
che vota contro Cristo pè suo mero ritorno
ar sommo omino galante gran prelato
che nun se impiccia, solo si nun è smascherato

Ar cattolico osservante, tra li banchi anniscosto
che punta er dito e accusa incollato ar suo posto
ar popolo incosciente che se scorda der Signore
e è sempre raggirato da chi je dice du’ parole

Canto quanno posso, quanno me tocca er core,
odi a Cristo che dolcemente me dona solo amore
chiedo venia a voi tutti, ma so’ ‘n po’de legno
e me esprimo ner dialetto mio, parlo come magno

Mo’ che me so’ presentato diteme che famo?
semplice ‘Ordunque, Noi Inchiostriamo’

NeoPasquino

Condividi questo articolo con i tuoi amici!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su reddit

Iscriviti alla nostra Newsletter

Per rimanere aggiornato su tutte le novità su cui stiamo lavorando!

Torna su