Home / Mauro Rutunno

Mauro Rutunno

Er Ciclo

  Ner monno che te vive intorno c’è ‘na corsa tra notte e giorno “ndo uno a all’antra je va dietro cercanno de avecce stesso metro È ‘na guera antica e puro eterna ogni tempo ce sbatte le corna sò duellanti che vonno vittoria co’ alti e bassi ne la loro storia E infonno io devo pjà posizione sceje quale sarà er mio battajone pè la notte ho combattuto ‘n tempo e ogni tanto m’attira cor suo canto Pè er giorno ce provo ma è fatica senza supporto nun reggi la salita ma quanno ariva, poi la sera t’accorgi che …

Continua a leggere »

La Rana e l’Airone

  La rana che stava ne lo stagno era beata, intenta a fasse ‘n bagno quanno ‘n airone uscì dar fojame e lei scoperta salì sur fasciame Trovannose a ‘n tiro de becco co’ coraggio anniede dritta ar succo prese fiato e se gonfió per bene fece score più sangue ne le vene Disse subito all’affamato airone “Nun me fai paura brutto ucellone tu c’avrai puro il colore de la cenere ma io so forte posso puro cambià genere” L’ airone su le prime era perplesso ma je sembrava de passà pè fesso Rispose “È inutile che zazzi, ho fatto …

Continua a leggere »

CRISTIANI?

Er limbo politico è servito pè sta su portrona lì seduto e l’elettori così sò cojonati da accordi e inciuci travestiti Imboniti da ‘n cantastorie toscano e pieno de borie se dice cristiano, ma de facciata e la fregatura è bella preparata Tutto contro la vita e la famija quella de Nazaret persa ne la via li cristiani da 80 € abbindolati a mammona danno culto pecoronati Er poro cattolico seriale pè la voja de giustizia sociale accecato come Giuda antico Cristo e er credo suo ha vennuto A 5 stelle, come l’antichi s’è rivorto pensanno così d’avè tutto risorto …

Continua a leggere »

Er Rasoio

Er Rasoio La lingua taja e cuce quella biforcuta maledice colpisce ar core e uccide come lancia che divide Artista de parola velenosa contaggia tutto ‘ndo se posa Smielata ruffiana se serve se move scivola come larve A vorte, si nun sbajo è mejo de ‘n rasoio affilata assai precisa ariva ‘ndo vo’, va decisa Lingua o spada tanto è uguale se usa spesso pè fa male sta a te daje giusto verso po’ racchiude l’universo La lingua quanno è pura parla chiaro, senza paura dice e spiega senza vergogna parla in faccia e poi sogna NeoPasquino

Continua a leggere »

Er Rasoio

  La lingua taja e cuce quella biforcuta maledice colpisce ar core e uccide come lancia che divide Artista de parola velenosa contaggia tutto ‘ndo se posa Smielata ruffiana se serve se move scivola come larve A vorte, si nun sbajo è mejo de ‘n rasoio affilata assai precisa ariva ‘ndo vo’, va decisa Lingua o spada tanto è uguale se usa spesso pè fa male sta a te daje giusto verso po’ racchiude l’universo La lingua quanno è pura parla chiaro, senza paura dice e spiega senza vergogna parla in faccia e poi sogna NeoPasquino

Continua a leggere »

INFORMAZIONE

  Nebbia scenne su la coscienza umidità intensa perché farza cartina de ‘n sole che nun torna soffoca la verità e de bucia l’adorna Informe, senza spina dorsale buco nero che vó piegà er reale vive su la carta, ne l’aria sospesa e lassa er credulone senza difesa È ‘na cortre de neve soffocante guida solo le coscienze spente crea, inventa e se parla addosso carta che batte forbice e sasso Io me metto n’armatura de rime e poetanno, contro ste cime sfidannoli a singolar tenzone ‘ar fin de la licenza io tocco’ in conclusione NeoPasquino

Continua a leggere »

Rugiada

Er prato bagnato de brina co’ la luce splenne la matina diventa ‘na distesa de diamanti brilla come, occhi lucenti Ma dura poco er suo bajore come gniente è er sfriccico de core ar primo calore der sole s’asciuga è solo ‘n amore effimero in fuga Come quello dura ‘n momento è solo ‘n farso sentimento che t’appaga ‘n poco la vista ma poi rimane gniente e basta Semo attratti dar superficiale che sparisce poi ce rimani male nun cercamo Acqua che disseta solo rugiada su l’erba bagnata NeoPasquino

Continua a leggere »

Pinocchio

  Pinocchio è er prototipo de l’omo furbo, buciardo ‘n po’ meschino che cerca sempre la strada corta pè evità fatica e mano aperta Come l’omo de oggi, burattino mosso da fili e da padrona mano cor sogno de fa soldi e ricchezza cortivanno monete che tristezza Imbrijato dentro ‘n core de legno vorebbe ne la vita lassà er segno ma se scontra cor suo destino e nun je servirà a esse più bonino C’ha er sogno de cambià aspetto de divientà omo e avecce rispetto ma c’ha bisogno de aiuto esterno ‘na madre e ‘n padre pè l’inverno Solo …

Continua a leggere »

Fonte de vita

  Stò fermo su la cima de ‘n monte e co’ lo sguardo abbraccio l’orizzonte seduto su ‘na roccia pensieroso guardo quello che c’ho davanti, meravijoso Poi ‘na voja che me pja all’improvviso me arzo, pjo fiato e scenno deciso pè arivà sur monte che stà da l’artra parte seguo la bussola dell’istinto, senza carte Comincio a scenne, ma è ‘na fatica a ogni passo attento, la strada è nemica è come si scennenno aumentasse er peso a ogni movimento me sento indifeso Vado avanti, so’ stanco ma fa lo stesso più scenno più faccio ‘n viaggio in me stesso …

Continua a leggere »

Er Novo Inferno

  Si Dante rinascesse ar giorno d’oggi ariempirebbe l’inferno de novi personaggi i politici vabbè, se sà li so de casa essenno tali nun c’hanno manco ‘na scusa. Ma ce ne so’ tanti tra quelli osannati da esse annoverati tra li dannati Conduttori che pè l’ascolti se so vennuti ar mijor offerente, che mejo l’ha pagati. Giornalisti parolieri asserviti schiavi de lo Stato e strapagati sempre pronti der padrone ha pjà le parti senza mai criticità scerte che poi so’ scarti. Cantanti che pè provà emozione fanno aringhe a la televisione senza manco conosce fatti e dati ma l’ego loro …

Continua a leggere »
Do NOT follow this link or you will be banned from the site!