Un classico ogni trenta giorni

Giorno(s)

:

Ore(s)

:

Minuto(i)

:

Second(s)

scheggeriunite@gmail.com

Oggi ho potuto vedere molto dolore, molta devastazione. Anche io, in un primo momento, sono rimasto letteralmente distrutto dalla notizia che oggi ho ricevuto. Tutto questo dolore è sfociato nell’affermazione “Alfie è morto”. Alcuni, addirittura, in una maniera che non so descrivere senza il ribrezzo più profondo, esultano per la sua morte. Questi ultimi hanno perso da tempo ragione e cuore, di conseguenza non meritano ulteriore menzione. Ebbene la mia risposta a tutti quanti è questa: non illudetevi, Alfie Evans è vivo ed è in Paradiso, in un luogo dove tutti dovremmo sperare di incontrarlo nuovamente. Oggi lui è uscito da quell’ospedale e si è unito alle schiere dei Santi che un giorno scenderanno dal Cielo, nella Gloria, assieme a Cristo per il Giudizio finale. E i suoi occhi innocenti saranno puntati proprio sulle persone che lo hanno ucciso. Gli stessi giudici dell’Alta Corte che hanno giudicato la sua vita inutile, si troveranno a loro volta giudicati e scopriranno, con loro immensa e amara sorpresa, di aver dedicato la propria vita al nulla. Alfie probabilmente li ha già perdonati, cosa che tanti, incluso io, forse non riusciremo mai a fare perché mancanti anche di un briciolo della santità che lo ha contraddistinto in questa battaglia. A ben vedere, tuttavia, sento di poter trarre una fortissima fonte di consolazione nei miracoli che ho visto in questi pochissimi e densissimi giorni.

Il primo miracolo a cui ho assistito e di cui ho avuto già modo di parlare in precedenza, è stato quello di una famiglia forte che si è eretta contro un sistema crudele e disumano. Una famiglia che fino all’ultimo momento non ha assolutamente perso la speranza di poter vedere il proprio figlio salvo e lontano da quella valle di lacrime dell’Alder Hey Hospital. Kate James e Thomas Evans sono una madre vera e un padre vero. Lo stupore, man mano che li vedevo lottare come i leoni che sono, cresceva sempre di più all’idea che io sono poco più grande di loro e non avrei saputo fare neanche un quarto di quello che hanno fatto. Che Dio li benedica sempre e benedica tutti i bambini che avranno in futuro (mi auguro che li crescano qui, nel nostro paese, pronto ad accoglierli a braccia aperte, soprattutto in questo momento).

Il secondo miracolo è Alfie stesso. Non solo un santo in questa società scellerata e che ha perso il senso del sacro al punto da condannare un bambino innocente a morte, ma un bambino di soli 23 mesi in grado di svelare i pensieri dei cuori e di mettere in crisi un intero sistema giuridico e sanitario. Quanta paura ha fatto ai suoi nemici e quanto terrore ancora incuterà a coloro che rimangono abbagliati dalla luce di Cristo. Questo bambino ha lottato contro tutto e contro tutti respirando da solo per giorni, da quando gli è stata rimossa la ventilazione fino ad oggi. Il suo respiro è stato eco di quel soffio di vita che Dio instilla in tutte le sue dilette creature e ne è stata la più evidente concretizzazione.

Il terzo miracolo è un popolo intero, a livello mondiale, che si è mosso per questa famiglia. Un popolo che si è destato e che ha contato fra le fila dell’Alfie’s Army una marea sterminata di credenti e non credenti. Persone che si son date da fare, che non hanno taciuto di fronte alla tremenda tirannia cui stavano assistendo e che continueranno a combattere, ad alzarsi in piedi, anche adesso che il nemico si illude d’avere la vittoria in tasca. L’unico accorgimento che ancora dobbiamo avere è quello di non farci sopraffare (come d’altra parte ho rischiato io stesso) dalla rabbia e dal risentimento più che leciti, ma incanalarli verso la Verità e il Bene così da rimanere uniti ora che questa drammatica situazione ci ha fatto ulteriormente gustare la reale essenza del Corpo Mistico di Cristo.

Non arrendiamoci, non demordiamo, diamo seguito a questa stupenda testimonianza per il mondo intero, la quale sarà mezzo con cui tantissimi potranno comprendere che la logica mortifera non porta l’uomo ad essere migliore o a vivere in una società migliore, ma semplicemente a scomparire, nel suo peggior interesse.

Do NOT follow this link or you will be banned from the site!

Privacy Preference Center

Cookies

3. Cookies

Le pagine Internet di Francesco Tosi utilizzano i cookie. I cookie sono file di testo che vengono memorizzati in un sistema informatico tramite un browser Internet.

Molti siti e server Internet utilizzano i cookie. Molti cookie contengono un cosiddetto ID cookie. Un ID cookie è un identificativo univoco del cookie. Consiste in una stringa di caratteri attraverso cui è possibile assegnare pagine Internet e server allo specifico browser Internet in cui è stato memorizzato il cookie. Ciò consente ai siti Internet e ai server visitati di differenziare il singolo browser dei soggetti di test da altri browser Internet che contengono altri cookie. Un browser Internet specifico può essere riconosciuto e identificato utilizzando l’ID cookie univoco.

Attraverso l’uso dei cookie, Francesco Tosi può fornire agli utenti di questo sito Web servizi più user-friendly che non sarebbero possibili senza l’impostazione dei cookie.

Per mezzo di un cookie, le informazioni e le offerte sul nostro sito Web possono essere ottimizzate tenendo conto dell’utente. I cookie ci consentono, come accennato in precedenza, di riconoscere gli utenti del nostro sito. Lo scopo di questo riconoscimento è quello di rendere più facile per gli utenti di utilizzare il nostro sito web.L’utente del sito Web che utilizza i cookie, ad esempio, non è obbligato a immettere i dati di accesso ogni volta che si accede al sito Web, poiché questo viene acquisito dal sito Web e il cookie viene quindi memorizzato nel sistema informatico dell’utente. Un altro esempio è il cookie di un carrello della spesa in un negozio online. Il negozio online memorizza gli articoli che un cliente ha inserito nel carrello virtuale tramite un cookie.

L’interessato può, in qualsiasi momento, impedire l’impostazione dei cookie attraverso il nostro sito Web mediante l’impostazione corrispondente del browser Internet utilizzato, e può quindi negare in modo permanente l’impostazione dei cookie. Inoltre, i cookie già impostati possono essere cancellati in qualsiasi momento tramite un browser Internet o altri programmi software. Questo è possibile in tutti i browser Internet più diffusi. Se la persona interessata disattiva l’impostazione dei cookie nel browser Internet utilizzato, non tutte le funzioni del nostro sito Web possono essere interamente utilizzabili.

Molti siti e server Internet utilizzano i cookie. Molti cookie contengono un cosiddetto ID cookie. Un ID cookie è un identificativo univoco del cookie. Consiste in una stringa di caratteri attraverso cui è possibile assegnare pagine Internet e server allo specifico browser Internet in cui è stato memorizzato il cookie. Ciò consente ai siti Internet e ai server visitati di differenziare il singolo browser dei soggetti di test da altri browser Internet che contengono altri cookie. Un browser Internet specifico può essere riconosciuto e identificato utilizzando l’ID cookie univoco. Attraverso l’uso dei cookie, Francesco Tosi può fornire agli utenti di questo sito Web servizi più user-friendly che non sarebbero possibili senza l’impostazione dei cookie. Per mezzo di un cookie, le informazioni e le offerte sul nostro sito Web possono essere ottimizzate tenendo conto dell’utente. I cookie ci consentono, come accennato in precedenza, di riconoscere gli utenti del nostro sito. Lo scopo di questo riconoscimento è quello di rendere più facile per gli utenti di utilizzare il nostro sito web.L’utente del sito Web che utilizza i cookie, ad esempio, non è obbligato a immettere i dati di accesso ogni volta che si accede al sito Web, poiché questo viene acquisito dal sito Web e il cookie viene quindi memorizzato nel sistema informatico dell’utente. Un altro esempio è il cookie di un carrello della spesa in un negozio online. Il negozio online memorizza gli articoli che un cliente ha inserito nel carrello virtuale tramite un cookie. L’interessato può, in qualsiasi momento, impedire l’impostazione dei cookie attraverso il nostro sito Web mediante l’impostazione corrispondente del browser Internet utilizzato, e può quindi negare in modo permanente l’impostazione dei cookie. Inoltre, i cookie già impostati possono essere cancellati in qualsiasi momento tramite un browser Internet o altri programmi software. Questo è possibile in tutti i browser Internet più diffusi. Se la persona interessata disattiva l’impostazione dei cookie nel browser Internet utilizzato, non tutte le funzioni del nostro sito Web possono essere interamente utilizzabili.

Close your account?

Your account will be closed and all data will be permanently deleted and cannot be recovered. Are you sure?

X
Teo(r)Etica Alfie è vivo, è in Paradiso!