Home / The Sparklings / Humanities / Lit, Lang & Lyf

Lit, Lang & Lyf

Tra due generazioni di blogger

C’era una volta blogspot. Era un ambiente strano, dalle possibilità grafiche e non piuttosto lontane dall’essere eccezionali, ma molto semplice da gestire e da usare; permise in poco tempo a molti che volevano scrivere e parlare di cose che loro interessavano in pubblico di avere una piattaforma. I social ancora contavano poco quindi i lettori bisognava procurarseli tramite siti amici, collaborazione e produzione di contenuti esclusivi o per lo meno di qualità, ed essere o meno una personalità conosciuta non era particolarmente produttivo. Internet era ancora poco usato e gli smartphone ancora non si erano diffusi, quindi il pubblico era …

Continua a leggere »

Un corpo liquido – Altered Carbon

Ultimamente stanno aumentando i mondi distopici nelle narrazioni, soprattutto cinematografiche, e si stanno focalizzando in particolare su due correnti di pensiero in forte crescita, postumanesimo e transumanesimo (per scoprire cosa sono si può dare un’occhiata al blog di Giulia Bovassi o, ancora meglio, comprare il suo libro). L’ultima delle storie che impattano con queste idee è la serie Netflix Altered Carbon. Sono già passati molti anni da quando Il mondo dei replicanti ci presentava una realtà in cui la tecnologia aveva permesso agli uomini di superare i loro limiti, potenziandosi e divenendo sostanzialmente invulnerabili. Altered Carbon va ancora oltre e …

Continua a leggere »

Il Diluvio, Henryk Sienkiewicz

Alle volte dei grandi libri vengono dimenticati. Sia chiaro, alcuni dei libri che vengono definiti grandi se lo meritano, per complessità ed elitarismo esplicito. Eppure alcuni di questi libri vengono dimenticati nonostante fossero piacevoli oltre che potenti e profondi. È il caso dello scrittore polacco Henryk Sienkiewicz la cui unica opera conosciuta è Quo Vadis, di certo splendida, ma che deve la sua solitaria fortuna principalmente alle trasposizioni cinematografiche. La parte più poderosa della sua opera, quella che fra tutte ha contribuito maggiormente a consegnargli il premio Nobel, è per lo più dimenticata. In italiano della Trilogia (Ogniem i Mieczem, …

Continua a leggere »

Martirismi e fallimento

Fra gli ebrei ashkenaziti, gli abitanti di Chelm in Polonia sono famosi per la loro stupidità. Uno di questi, un bel giorno aprì la Bibbia e ci trovò il passo dei Salmo: “L’Eterno protegge i semplici”. Al che decise di fare una prova. Disse a Dio: “Tu ci hai detto che hai a cuore i semplici e noi del villaggio di Chelm siamo additati come i più stupidi di tutti. Ora io mi butterò da questo palazzo e, se ciò che dicono è vero, mi proteggerai, mentre se è falso io lo avrò dimostrato”. Si buttò e si ruppe braccia …

Continua a leggere »

La modernità ha ucciso l’amore

La modernità ha ucciso l’amore. L’ha preso, l’ha spogliato delle sue vesti, lo ha coperto di polvere e poi lo ha squartato, lo ha strappato dal nostro petto in modo indolore. È bastato pochissimo; è bastato insinuare qualche piccola affascinante parola nella mente degli uomini: realizzazione, sicurezza, compimento. E ai nostri occhi quelle parole sono piaciute; li hanno accesi di uno strano fuoco; di una promessa nuova per uomini vecchi. La donna per l’uomo e l’uomo per la donna sono ormai solo una possibilità fra le altre in quello che la modernità ha posto come obiettivo della vita. Ma quel …

Continua a leggere »

Essere speciali

Tutti sono speciali. Ognuno è bello. Ciascuno è perfetto. Frasi da cui ci sentiamo bombardare continuamente ogni giorno e che di conseguenza ormai sono entrate nel nostro sentire. Ma è davvero così? Davvero contemplando sé stesso uno, un uomo qualsiasi, può dirsi qualcosa del genere? Davvero al mattino, davanti allo specchio, ancora sfatti dal sonno, possiamo ripeterci una parola come perfetto? Non vedrà piuttosto le occhiaie pesanti, le piccole imperfezioni che il tempo e la sua storia hanno lasciato, quelle che si porta dietro dalla nascita, le cicatrici, le rughe, i nei che gli costellano il viso, tutti nei punti …

Continua a leggere »

Privacy e proprietà

Può darsi che la norma che costringe a pagare una cifra irrisoria per delle bustine di plastica fino ad ora regalate abbia un senso; e può altrettanto darsi che abbia un senso la protesta di quelli che, non avendo speso nulla a riguardo fino all’altro ieri, ora si sentono defraudati. Dal punto di vista politico e ideale entrambe le cose hanno un fondamento solido, l’una nelle necessità ambientali, l’altra nella consuetudine e nella percezione dell’inutilità di un ulteriore norma che vada a pescare nelle tasche della gente. Di certo, però, qualcuno che ha torto c’è e si tratta di quelli …

Continua a leggere »

Nativity – Recensione – Rant

Se avete un cuore debole non continuate a leggere perché saranno espressi pensieri impietosi. Una considerazione iniziale è doverosa: è davvero difficile fare un buon film su Gesù. I Vangeli riportano delle informazioni essenziali, le uniche importanti, evitando di perdersi in orpelli narrativi. Dove mancano informazioni, semplicemente si evita di raccontare perché quello che conta non è l’organicità del testo, ma la sua corrispondenza alla Verità. Una narrazione, un romanzo e un film, però, per loro propria natura, senza queste faccende faticano a reggersi in piedi. Di fronte a questo problema le scelte sono due: o si riproduce esattamente il …

Continua a leggere »

Nessuno è padrone della Verità

  Ma nella sua disperazione Chloe rifiutò quello che Chiese e re e preti non avevano rifiutato; rifiutò di essere ingannata, rifiutò il tentativo di essere utile a Dio e, essendo in agonia, pregò più onestamente. Dio la purificò mentre si contorceva; la lucidità la prese. Levò il capo e con entrambe le mani sotto il cuscino a reggere la Pietra giacque immobile, dicendo solo, silenziosa nel suo respiro soffocato: “Fai la Tua… volontà, se lo vuoi; o” si immaginò il tocco del bandito sul suo polpaccio e tremando in ogni nervo aggiunse “oppure no”. Charles Williams, La Pietra di …

Continua a leggere »

Hania, la strega buona – Recensione

Le leggende raccontano che Merlino era figlio dell’inferno e di una donna mortale, una bestemmia dell’incarnazione di Cristo. Tuttavia la madre lo battezzò appena nato, dandogli la possibilità di scegliere chi era e permettendogli di essere un uomo potente ma buono. In un altro mondo, in un altro tempo i cieli vengono solcati da un prodigio maligno, presagio di qualcosa di malvagio. La principessa del Regno delle Sette Cime si ritrova nel grembo la figlia del Signore Oscuro. La cosa più sensata da fare sarebbe ucciderla per mettere fine al male nel mondo. Qualcosa però ferma la mano della giovane …

Continua a leggere »
Do NOT follow this link or you will be banned from the site!