Home / Samuele Baracani (page 5)

Samuele Baracani

mm
Samuele Baracani: nato nel 1991, biellese, ma non abbastanza, pendolare cronico, cresciuto nelle peggiori scuole che mi hanno avviato alla letteratura e, di lì, allo scrivere, che è uno dei miei modi preferiti per perdere tempo e farlo perdere a chi mi legge. Mi diletto nella prosa e nella poesia sull'esempio degli autori che più amo, da Tasso a David Foster Wallace. Su ispirazione chauceriana ho raccolto un paio di raccontini di bassa lega in un libro che ho intitolato Novelle pendolari.

Costruire sulla sabbia

Il desiderio di indipendenza catalano con tutto quello che ha comportato non è un fenomeno isolato; sappiamo tutti della Scozia, sappiamo tutti del Veneto e da poco mi è giunta notizia di una raccolta firme per un’autonomia o indipendenza del Piemonte. Tra tutte queste cose e i movimenti antieuropeisti bisogna ammettere che siamo in un momento di tendenza alla disgregazione piuttosto che all’aggregazione. Eppure fino a poco fa’ sembrava che fosse quest’ultima a trionfare. Cos’è accaduto? Quali forze si sono mosse per cambiare tutto questo? Innanzi tutto dobbiamo capire che cos’era che spingeva all’unità. Credo che essa fosse motivata da …

Continua a leggere »

In terra summus rex

Alle volte riprendo qualcuno dei vecchi Carmina Burana e mi viene da sorridere; i problemi che irridevano sono gli stessi dei nostri tempi e forse sono gli stessi di sempre. In terra il sommo re è in questo tempo il denaro… Il tutto messo in una litania come a dire che è questa la religione che ci muove in realtà. In terra summus rex est hoc tempore Nummus.‎ Nummum mirantur reges et ei famulantur.‎ Nummo venalis favet ordo pontificalis.‎ Nummus in abbatum cameris retinet dominatum.‎ Nummum nigrorum veneratur turba priorum.‎ Nummus magnorum fit iudex conciliorum.‎ Nummus bella gerit, nec si …

Continua a leggere »

Divisioni nell’Islam: le quattro scuole giuridiche

Mi è stato chiesto, dopo aver parlato del fatto che la Umma non sia così unitaria come ci aspetteremmo, di parlare di alcuni di questi punti che frazionano l’Islam. La prima cosa con cui ci si trova ad avere a che fare quando si inizia ad approfondire la cultura islamica sono le madhahib, le scuole giuridiche. Occorre, prima di parlarne, fare una precisazione. L’Islam non è nato per essere una religione minoritaria, ma una religione di stato; non deve sorprendere dunque che abbia un così stretto legame con il diritto, così come il fatto che il Corano abbia molti precetti …

Continua a leggere »

Un errore di prospettiva sull’Islam: la Umma

Ho già scritto altrove che la nostra visione dell’Islam è fortemente condizionata dalla nostra prospettiva di occidentali e molto spesso di occidentali con una tradizione cattolica. Uno dei punti in cui facciamo più fatica a concepire la religione musulmana è la comunità che ne è partecipe. Per capire quanto essa sia diversa da una Chiesa dobbiamo fare qualche precisazione su quali siano i fondamenti dell’Islam e su come fondino appunto la Umma. L’Islam è una religione semplice con pochi ma forti dogmi, che si possono riassumere nella Shahadah: “Dio è l’unico Dio e Maometto il suo profeta”. Ad un buon …

Continua a leggere »

Temi tu la morte?

C’è una scena che salvo del secondo Pirati dei Caraibi ed è quando Davy Jones cammina sul ponte, davanti ai prigionieri di una nave che ha attaccato chiedendo: “Temi tu la morte?” a ciascuno di loro. La ragione per cui mi è cara non è questo memento mori condito in salsa di polipetti, ma per una risposta di un uomo tremante che stringe fra le mani un rosario: “Mi prendo le mie responsabilità, signore”. La cosa che tanto mi piace di questa scena è che questa è l’unica risposta sensata che si possa dare ad una domanda tanto insensata. Poche ciance, …

Continua a leggere »

Stupro e favole

Sono stufo di venire accusato di essere un potenziale stupratore solo perché sono un uomo. Sono stufo di sentir dire che bisognerebbe educare gli uomini a non stuprare piuttosto che le donne a difendersi dallo stupro. Sono un uomo e non ho mai stuprato nessuno, né maschio né femmina, e al momento non ho intenzione di farlo in un prossimo futuro, il tutto senza aver avuto un’educazione particolare a riguardo. Che un certo modo di pensare e trattare la donna fosse sbagliato l’ho scoperto alle medie, semplicemente osservando le reazioni delle mie compagne agli sguardi e a qualche smanacciata che …

Continua a leggere »

Luce e poesia

  Dissolta è la tempesta in un momento E il vento s’è mutato in fresca brezza; Il sol ormai riposa, pur ancora I suoi raggi arrosano le nubi, Dolcissima promessa dell’aurora.

Continua a leggere »

L’eresia di oggi

Eresia nella sua accezione etimologica significa scuola di pensiero; se dovessimo dedurre la natura del suo referente da essa, la cosa risulterebbe decisamente ingiusta per le eresie del passato. Gli eresiarchi di un tempo ritenevano di essere gli unici depositari della verità o della sua corretta interpretazione. La loro violenza era costruttiva, perché quello che pretendevano era che tutti aderissero al mondo nuovo che volevano creare. Le eresie moderne, però, si basano proprio sul fatto di non essere assolute. Si presentano come delle semplici diverse opinioni su un qualche argomento, e non cercano in alcun modo di dimostrarsi le uniche …

Continua a leggere »

Politica, torna nei bar!

Ultimamente la democrazia sta affrontando un momento di crisi ideologica molto grave. La sua stessa retorica che la presentava come il modo più giusto, bello e morale di governare la sta lentamente divorando; qualcuno si è accorto che non basta che trenta milioni di persone siano d’accordo su qualcosa per renderla automaticamente giusta, intelligente e corretta. È banale dire che la maggioranza non detiene nessuna superiorità morale né conoscitiva, così banale che i più raffinati ideologi della democrazia non ci avevano pensato. Così, ora che si sono create numerose minoranze forti che portano avanti delle battaglie che potrebbero danneggiare la …

Continua a leggere »

Nella giungla urbana

  Gli scoiattoli grigi sulle foglie S’inseguono feroci, Contendendosi frammenti di noci, E briciole lasciate dai passanti. Eppur poco avanti Immensi tesori di fresco cibo Attendon soltanto chi li addenti E lor si scannano sugli avanzi.

Continua a leggere »