Home / Edoardo Dantonia (page 4)

Edoardo Dantonia

mm
Edoardo Dantonia: classe 1992, sono il più giovane e il più indegno di questo terzetto di spostati che si fa chiamare Schegge Riunite. Raccontavo storie ancor prima di saper scrivere, quando cioè imbastivo veri e propri spettacoli con i miei pupazzi, o quando disegnavo strisce simili a fumetti su innumerevoli fogli di carta. Amante della letteratura, in particolare quella fantastica e fantascientifica, il mio sogno è anche la mia più grande paura: fare della scrittura, cioè la mia passione, il mio mestiere. Ho esordito lo scorso settembre col mio primo libro, Rivolta alla Locanda, racconto umoristico ispirato al mio modello letterario, Gilbert Keith Chesterton.

La mitezza di Piergiorgio

“Ordinarie follie” (biellesi) di Edoardo Dantonia Piergiorgio era un ragazzone forte ed energico, un giovane pieno di vita che amava scalare e arrampicare e a cui non mancavano certo prestanza e coraggio. Egli era però in grado di fare cose che la semplice possanza fisica non è in grado di far fare; era in grado […]

Continua a leggere »

Martirio o suicidio?

Io vedo il suicidio come un atto di grande coraggio, sempre. Il suicidio non è mai una resa. Se il suicidio è qualcosa, esso è un moto, mai una immobilità. Immobilità è sedersi e attendere passivamente che il tempo passi e le disgrazie pure. Ma c’è un però. Il martire avrà sempre una marcia in più rispetto al suicida, per quanto ammirevole sia il gesto del nostro Celio. Il martire infatti accetta di subire qualcosa di tremendo, di doloroso, di straziante e, peggio ancora, di umiliante. Accetta, non subisce, né decide di farla finita per conto suo, via difficile ma …

Continua a leggere »

L’ecumenismo di San Francesco

Un dogma che va piuttosto di moda oggigiorno è che per rispettare e stimare qualcuno sia necessario essergli amico, o peggio andarci d’accordo. Il nemico, l’avversario è visto come una specie di strana entità, distante anni luce nel pensiero e nel corpo; di conseguenza è impossibile, secondo le ultime tendenze mondane, lodare uno che non faccia parte della nostra cerchia di compagni. Siamo tutti stretti nei nostri recinti, ciechi di fronte a chiunque altro che non corrisponda a certi rigidi standard (nonostante siamo soliti millantare aperture di testa che solo un’ascia bipenne potrebbe eguagliare). Da questa errata convinzione deriva uno dei più …

Continua a leggere »

Un “alchimista” mi ha salvato dalla noia

“Ordinarie follie” (biellesi) di Edoardo Dantonia Esistono luoghi di comunione fisica e spirituale veramente insospettabili. Al sentir parlare di comunione e spirito, infatti, vengono in mente cose come chiese e templi, o al limite silenziose biblioteche e solenni musei. Pare cioè che per entrare in contatto con gli altri esseri umani debba regnare un austero […]

Continua a leggere »

Oropa, un gioiello tra i monti

“Ordinarie follie” (biellesi) di Edoardo Dantonia Incastonato in un anfiteatro naturale, a circa milleduecento metri di altezza, sta un gioiello prezioso, una gemma rara di cui ogni biellese può andare fiero. Si tratta del Santuario di Oropa, da secoli meta di pellegrinaggi e simbolo della città di Biella. Spesse volte infatti mi è capitato di […]

Continua a leggere »

Biella è sospesa sul nulla

“Ordinarie follie” (biellesi) di Edoardo Dantonia Ultimamente Biella è stata la protagonista di un altro primato: dopo essere stata dichiarata provincia più noiosa d’Italia, nuove statistiche hanno stabilito che in essa il tenore di vita è il migliore in assoluto. Insomma, non succede un tubo, ma cavolo se si sta bene! Un mio caro amico, […]

Continua a leggere »

Candida neve

“Ordinarie follie” (biellesi) di Edoardo Dantonia Credo sia ormai nota la mia passione per quelle condizioni atmosferiche che la gente solitamente odia. Confermo dunque questa tendenza lanciandomi in una lode forse eccessiva per quel miracolo che è la neve, la quale imbianca le nostre montagne e, ahimè, blocca le nostre strade ogni volta che scende […]

Continua a leggere »

La pioggia

“Ordinarie follie” (biellesi) di Edoardo Dantonia È piuttosto frequente, quando a Biella piove, scherzare dicendo: “Strano, non succede mai a Biella!”. Il biellese non è infatti famoso per il sole e il caldo (e come potrebbe esserlo un luogo che attorno non ha altro che montagne?), tanto meno se si considerano le stagioni più fredde, […]

Continua a leggere »

Frassati e la Burcina

“Ordinarie follie” (biellesi) di Edoardo Dantonia Tra le tante bellezze che Biella ha da offrire, una delle più preziose e incantevoli è certamente la Burcina, una riserva naturale che si estende su circa cinquantasette ettari di meraviglie floreali. Questo parco rappresenta una perla senza paragoni, dal momento che fin dalla sua nascita ha avuto e […]

Continua a leggere »

Piedicavallo e i suoi chiodini

“Ordinarie follie” (biellesi) di Edoardo Dantonia I funghi non sono certo un’esclusiva del biellese, né del Piemonte, né di tutta quanta l’Italia, per dirla tutta. C’è da dire però che noi abitanti ai piedi delle Alpi possediamo una certa vocazione per la ricerca e la raccolta di queste muffe prodigiose. Debbo però anche ammettere la […]

Continua a leggere »